Rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) sulla qualità dell’aria in Europa

E’ stato da poco pubblicato sul sito della Agenzia Europea per l’Ambiente la relazione del 2012 sulla “Qualità dell’aria in Europa”.

Il report prende in esame l’esposizione dei cittadini alle sostanze inquinanti e offre un’istantanea della situazione in Europa, al fine di promuovere lo sviluppo di politiche anti inquinamento più efficienti. Il report riassume anche le politiche e le principali misure per ciascun inquinante a livello europeo.
Complessivamente negli ultimi anni le emissioni di diverse sostanze inquinanti sono diminuite, il che ha contribuito ad un miglioramento della qualità dell’aria in alcune aree. Tuttavia, ciò non ha sempre comportato un calo corrispondente delle concentrazioni di sostanze inquinanti atmosferiche.

I persistenti problemi relativi alla qualità dell’aria richiedono ulteriori sforzi al fine di ridurre le emissioni di diverse sostanze inquinanti. I risultati della ricerca mostrano come quasi un terzo degli abitanti delle città europee sia oggi esposto a concentrazioni eccessive di particolato (PM), sulla base dei dati sulle emissioni di origine antropica e sulle tendenze dal 2001 – anno in cui il monitoraggio obbligatorio delle concentrazioni nell’aria ambiente degli inquinanti selezionati ha prodotto le prime importanti informazioni sulla qualità dell’aria – al 2010. Negli ultimi anni, l’AEA ha pubblicato informazioni annuali sulle emissioni di sostanze inquinanti atmosferiche e sui superamenti dei massimali di emissione ai sensi della direttiva sui massimali nazionali di emissione.

Verso la fine dell’anno in corso l’AEA pubblicherà un’analisi retrospettiva sul raggiungimento o meno degli obiettivi in materia sanitaria e ambientale fissati dalla direttiva sui massimali nazionali di emissione per il 2010.
La Commissione europea sta preparando per il 2013 una revisione della normativa dell’UE sulla qualità dell’aria, in consultazione con i portatori di interesse e prestando particolare attenzione alle politiche in materia di inquinamento dell’aria.

Per ulteriori informazioni:
Link 1 – Link 2