Conservare, ripristinare e tutelare gli habitat e le specie della Rete Natura 2000

Descrizione: 

Al fine di arrestare la perdita di biodiversità, la Regione Calabria si è dotata di una propria Strategia Regionale per la Biodiversità (adottata con DGR n. 845 del 21-12-2010). 

Nell’ambito della programmazione regionale 2014-2020, la tutela della biodiversità è un obiettivo trasversale che interessa:

- POR Calabria FESR-FSE (Obiettivo Tematico 6);

- PSR Calabria (per quanto attiene alla tutela della biodiversità in ambito agricolo);

- PO FEAMP (per quanto riguarda la tutela e valorizzazione degli ambienti marini e le aree costiere).

Scopo del presente invito a presentare proposte è l’attuazione dell’Azione 6.5.A.1 - sub-azione 2 – “Conservare, ripristinare e tutelare gli habitat e le specie della Rete Natura 2000” la quale prevede la realizzazione delle misure di conservazione prioritarie di habitat e specie da attuare nelle Aree Natura 2000, sia in ambito terrestre che in ambito marino/costiero.

Gli interventi dovranno essere finalizzati a contrastare il degrado e la perdita di biodiversità e, laddove possibile, mantenere e/o ripristinare le condizioni ottimali degli ecosistemi sia interni che marino-costieri, al fine di garantirne alti livelli di vitalità e funzionalità
 

Programma Operativo: 
POR FESR/FSE Calabria 2014-2020
Regione: 
Calabria
Area Tematica Ambientale: 
Natura e Biodiversità
Asse: 
Asse VI - TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO AMBIENTALE E CULTURALE
Priorità di'investimento: 

6d - Proteggere e ripristinando la biodiversità e i suoli, e promuovendo i servizi per gli ecosistemi, anche attraverso Natura 2000 e l'infrastruttura verde

Obiettivo specifico: 

6.5.A - Contribuire ad arrestare la perdita di biodiversità terrestre e marina, anche legata al paesaggio rurale e mantenendo e ripristinando i servizi ecosistemici 

Azioni: 

6.5.A.1 - Azioni previste nei Prioritized Action Framework (PAF) e nei Piani di gestione della Rete Natura 2000

Destinatari: 
  • Soggetti gestori dei siti Natura 2000;
  • Riserva della Biosfera dell’UNESCO della Sila;
  • Consorzi di bonifica;
  • Associazioni ambientalistiche, senza fine di lucro e con comprovata esperienza nel settore;
  • Enti pubblici già gestori di centri di recupero di animali selvatici in difficoltà.
Data Pubblicazione: 
Lunedì, 24 Luglio, 2017
Data scadenza termini di presentazione: 
Martedì, 31 Ottobre, 2017
Importo: 
€3,000,000
Ammissibilità delle misure ed interventi: 

Gli acquisti dei Servizi e forniture dovranno essere conformi a quanto disposto dall'art. 34 del D. Lgs 50/2016 (GPP- Acquisti Verdi), al fine di contribuire al conseguimento degli obbiettivi ambientali e, pertanto prevedere l'adozione dei criteri minimi ambientali o CAM approvati con DM del MATTM.

Gli interventi ammessi a finanziamento sono:

A) Ambiente Terrestre:

a) Progetti a sostegno di specie e habitat di cui alle Direttive Habitat e Uccelli;

b) Sostegno a Centri di Recupero di animali selvatici in difficoltà finalizzato alla immissione faunistica e/o rilascio in ambienti naturali o seminaturali idonei alla diverse specie;

c) Allestimenti e gestione di una "Rete" di Siti di Alimentazione artificiale (carnai) per uccelli rapaci (necrofagi obbligati e/o facoltativi: capovaccaio, nibbio reale, grifone, etc);

d) Interventi di ripopolamento e/o reintroduzione delle specie protette e di interesse conservazionistico e relativi propedeutici Studi di fattibilità;

e) Ripristino e/o mantenimento di aree umide a supporto dell'erpertofauna (anfibi, rettili) e dell'avifauna migratoria. 

f) Azione straordinaria di rimozione dei rifiuti presenti nei siti della Rete NATURA 2000 (SIC);

g) Individuazione di aree di connessione (corridoi ecologici) finalizzate al collegamento tra aree protette.

 

B) Ambiente Marino-costiero:

a) Progetti a sostegno di specie di cui alle Direttive Habitat e Uccelli;

b) Sostegno a Centri di Recupero di animali selvatici in difficoltà finalizzato alla immissione faunistica e/o rilascio in ambienti idonei alla diverse specie;

c) Azioni di rimozione dei rifiuti presenti sui fondali dei SIC;

d) Realizzazione di Interventi strutturali per contrastare la pratica illegale della pesca a strascico;

e) Miglioramento e ripristino dello stato degli habitat tipici delle dune e delle zone umide retrodunali;

f) Delimitazione del perimetro dei Siti di Importanza Comunitaria marini (installazione di boe);

g) Realizzazione di strutture di ripopolamento

Criteri di Valutazione: 
  • Contributo del progetto/operazione al conseguimento degli obiettivi della PRIORITÀ/azione;
  • Efficienza attuativa;
  • Qualità intrinseca della proposta e integrazione con altri interventi
Scarica la versione stampabile del bando