Avviso per la concessione di contributi a favore delle Piccole e Medie Imprese per la realizzazione di un piano di investimento aziendale di efficientamento energetico

Descrizione: 

L'avviso finanzia interventi di miglioramento dell'efficienza energetica nelle PMI attraverso tre attività principali:

  • Realizzazione di una diagnosi energetica conforme ai requisiti previsti dall’Allegato 2 del D.Lgs. 102/2014;
  • Realizzazione di almeno un intervento di efficientamento energetico con tempo di ritorno economico inferiore o uguale a quattro anni, previsti dalla diagnosi energetica (come documento a sé stante oppure a corredo della certificazione ISO 50001);
  • Adozione del sistema di gestione dell’energia (SGE) conforme alla norma ISO 50001.

L’intensità massima di aiuto concedibile è pari al 50% dei costi ammissibili.

 Il POR FES Campania finanzia interamente la realizzazione di progetti di efficientamento energetico individuati dalle diagnosi energetiche. Gli interventi di diagnosi energetiche o l’adozione, nelle stesse, di Sistemi di Gestione dell’Energia (SGE) conformi alle norme ISO 50001 sono finanziati dal POR FESR Campania e co-finanziati dal MISE (D.Lgs. 102/2014).
Le fasi della procedura per l’accesso al contributo sono:

  • I fase: Manifestazione di interesse ed ammissione alla II Fase;
  • II fase: Presentazione della domanda di contributo, del piano di investimento aziendale e ammissione a finanziamento.

La modalità di concessione del contributo è la procedura valutativa a sportello (ordine cronologico di presentazione della manifestazione di interesse e soglia minima di qualità progettuale) con priorità alle imprese che presentano una manifestazione di interesse comprensiva dell’Azione C.

Programma Operativo: 
POR FESR Campania 2014-2020
Regione: 
Campania
Area Tematica Ambientale: 
Energia
Asse: 
Asse IV - Energia sostenibile
Priorità di'investimento: 

4b -  Promuovere l'efficienza energetica e l'uso dell'energia rinnovabile nelle imprese

Obiettivo specifico: 

4.2 - Riduzione dei consumi energetici e delle emissioni nelle imprese e integrazione di fonti rinnovabili"

Azioni: 

4.2.1 - Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive compresa l'introduzione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l'autoconssumo dando priorità alle teconologie con alta efficienza.

Destinatari: 

Piccole e Medie Imprese (PMI) della Regione Campania

Data Pubblicazione: 
Lunedì, 19 Giugno, 2017
Data scadenza termini di presentazione: 
Venerdì, 14 Luglio, 2017
Importo: 
€7,149,200
Ammissibilità delle misure ed interventi: 

Ammissibilità degli interventi:

  • Azione A.

Le diagnosi energetiche dovranno essere obbligatoriamente condotte dai soggetti di cui all’art. 8 del D.Lgs 102/2014, ovvero società di servizi energetici (ESCO), esperti in gestione dell’energia (EGE) o auditor energetici, certificati da organismi accreditati ai sensi dell’articolo 8, comma 2 del D.Lgs. 102/2014.

  • Azione B.

Installazione di impianti di cogenerazione ad elevato rendimento e di impianti di trigenerazione; attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica nei processi produttivi, diretta a ridurre l’incidenza energetica sul prodotto finale; attività mirate alla riduzione dei consumi energetici mediante una riorganizzazione di processi di produzione basati sulla tecnologia e su device in grado di comunicare autonomamente tra di loro (smart factory e industria 4.0); attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica degli edifici nell’unità locale; sostituzione puntuale di sistemi e componenti a bassa efficienza con altri a maggiore efficienza; attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili a condizione che l’energia prodotta sia destinata all’autoconsumo; attività di ottimizzazione tecnologica, miglioramento delle centraline e cabine elettriche e installazione di sistemi di controllo e regolazione.

  • Azione C.

Adozione del sistema di gestione dell’energia (SGE), comprovato da un certificato di conformità alla norma UNI CEI EN ISO 50001

Il Piano di investimento deve essere costituito obbligatoriamente almeno dalle Azioni A e B. L’azione C è facoltativa ma costituisce requisito di priorità

Criteri di Valutazione: 
  • Importo Piani di investimento aziendale;
  • risparmio economico atteso annuo/importo investimento;
  • sostenibilità ambientale  (CO2/importo investimento) risparmio atteso di emissioni nell’anno a regime
  • Mix Energetico: presenza nel piano di investimento aziendale di almeno due tra le attività elencate nel bando;
  • rating di legalità
Scarica la versione stampabile del bando